Guerra, Erri De Luca in viaggio per i bimbi ucraini

@ fonte foto profilo facebook fondazione Erri De Luca

È al suo settimo viaggio in Ucraina lo scrittore Erri De Luca, questa volta le destinazioni sono due orfanotrofi del posto. Lo scrittore napoletano in compagnia del suo amico Giacinto, in previsione dell’avvicinarsi dell’inverno, ai bimbi che stanno vivendo il terribile dramma della guerra sta portando abiti pesanti. Ecco la lettera del noto autore pubblicata sul profilo facebook della Fondazione che porta il suo nome e indirizzata a chi oggi manifesta per la pace.

“Le guerre finiscono, tutte. Basterebbe aspettare che si esauriscano le munizioni e le forze di una o entrambe le parti. Ma il verso di un Salmo di Davide prescrive:” Cerca pace e inseguila” (34,15). La piazza di oggi non aspetta che la guerra finisca. Vuole fermarla, cercare la pace inseguendola per le strade. La piazza di oggi dichiara resistenza alle sopraffazioni. Non sarò con voi. Con un furgone e un amico mi avvio al settimo viaggio in Ucraina. Stavolta raggiungiamo due orfanotrofi che ci hanno fatto avere la richiesta di abbigliamento invernale. Abbiamo completato la raccolta avvenuta con offerte spontanee. Seguendo un percorso diverso dalla strada di oggi siamo nella traccia comune segnata dal verso di Davide. La pace cercata, inseguita sarà conseguita e sarà il solo bottino di guerra.
Erri “